Babysitter, tata o educatore?

Babysitter, tata o educatore?

Di Babysits, 3 minuti di lettura

Cerchi un(a) babysitter, una tata o un educatore? Confondersi è facile! Ecco di seguito una descrizione di queste tre figure che vi può guidare nella scelta...

Baby sitter, tata o educatrice

Babysitter

I/Le babysitter sono spesso studenti delle superiori o universitari. Per la loro giovane età possono legare più facilmente coi bambini e sono sicuramente più aggiornati sulle attività che piacciono ai più piccoli. Da tenere però presente che spesso questi non hanno frequentato un percorso di studi inerente alla formazione e all'educazione dei bambini. Ciononostante potete ugualmente trovare una persona ugualmente qualificata. L'importante è che presenti determinate caratteristiche quali, ad esempio, dolcezza, gentilezza, empatia e pazienza.

Tale figura può lavorare contemporaneamente per più famiglie. Lavora prevalentemente part-time e per poche ore alla settimana; a tal proposito si stabilisce una tariffa oraria in base alle ore effettuate. Inoltre, può accorrere in vostro aiuto nel momento in cui si presenta un imprevisto.

Tata

La tata è una figura più professionale rispetto a quella del(la) babysitter, in quanto dispone delle conoscenze del settore e di anni di esperienza nel campo. Il ruolo della tata, da alcuni punti di vista, si avvicina molto a quello del genitore. Non solo si prende cura di loro, ma può anche svolgere alcuni lavori domestici legati alla cura dei bambini.

Le tate spesso lavorano full time e per loro è un lavoro vero e proprio. Percepiscono, infatti, uno stipendio e a volte vivono in casa insieme alla famiglia. Solitamente, lavorano per una sola famiglia e diventano veri e propri membri della stessa. Questo aspetto sicuramente aiuta la tata ad interagire meglio coi vostri figli, avendo la possibilità di conoscere meglio le loro abitudini.

Educatore

La figura dell'educatore è una figura professionale quanto la tata ma, a differenza di quest'ultima, spesso ha ricevuto una formazione specifica e certificata. Come la tata, l'educatore si dedica alla cura dei bambini a 360 gradi: dalle attività didattiche a quelle ludiche, dal momento del pasto a quello del riposo, ecc.

La differenza principale rispetto alle altre due figure concerne, quindi, il fatto che l'educatore ha conseguito un titolo specializzato sull'educazione dei bambini. Chiaramente, solo la formazione non basta; l'esperienza sul campo è certamente un valore aggiunto da non trascurare.

Quale scegliere quindi?

Sicuramente ci sono alcuni fattori da considerare, quali l'età dei vostri figli, l'ammontare di ore di cui avete bisogno e le competenze specifiche ricercate nella figura in questione. Ma la scelta finale dipenderà dalle specifiche esigenze personali di ogni famiglia!