I migliori consigli per piccoli mangiatori schizzinosi

I migliori consigli per piccoli mangiatori schizzinosi

Nuovo
Di Babysits, 10 minuti di lettura

Cosa fare quando il tuo bambino vuole mangiare un solo tipo di cibo oppure non vuole mangiare le verdure? Non ti preoccupare, qui spieghiamo cosa vuol dire essere schizzinosi a tavola, perché succede e come affrontarlo! Continua a leggere per scoprire utili consigli su come affrontare la schizzinosità a tavola della tua famiglia.

Segni che il tuo bambino è un mangiatore schizzinoso

Prima di tutto, ti starai chiedendo: cos’è un mangiatore schizzinoso? Secondo uno studio, queste sono le caratteristiche comuni di un mangiatore schizzinoso (e possibili segnali che tuo figlio possa esserlo).

7 Segnali che il tuo bambino è un mangiatore schizzinoso

  • Mangia più lentamente dei bambini della sua età
  • Mangia una quantità di cibo limitata
  • Spesso rifiuta il cibo (specialmente frutta e verdura)
  • Chiede sempre lo stesso cibo
  • E’ altamente riluttante nel provare nuovi alimenti
  • Preferisce le bevande al cibo
  • Ha forti preferenze in fatto di cibo

Se il tuo bambino mostra alcune di queste caratteristiche e/o comportamenti, allora potrebbe essere un mangiatore schizzinoso.

Perché il mio bambino è un mangiatore schizzinoso?

Cause della schizzinosità

Ci sono tantissime teorie riguardo il perché un bambino potrebbe essere schizzinoso, tuttavia, nessuno studio è stato conclusivo. Secondo Cambridge, alcune delle potenziali cause della schizzinosità a tavola potrebbero essere: demografiche, caratteristiche genitoriali, pratiche di svezzamento precoce e fattori psicosociali.

Uno studio pubblicato dall’ Università di Yale indica che la differenza nella preferenza di una certa merenda tra bambini è basata sulla confezione dello snack. La merenda più scelta dai bambini dello studio era quella con il loro personaggio preferito dei cartoni animati, rispetto agli snack senza personaggio. Quindi, questo fattore culturale potrebbe avere un impatto sulla schizzinosità nel mangiare.

Quali sono le conseguenze dell’essere un mangiatore schizzinoso?

Essere un mangiatore schizzinoso non vuol dire necessariamente che il tuo bambino non sia sano. Spesso la schizzinosità è una fase che va e viene, nei bambini. Tuttavia, ci sono anche studi contraddittori riguardo la schizzinosità nei bambini e il rischio del sottopeso o del sovrappeso nei bambini.

In ogni caso, il miglior consiglio rimane quello di discutere con il pediatra qualsiasi preoccupazione tu abbia, in modo che possa darti il miglior parere basato sulla specifica situazione di salute di tuo figlio e i suoi bisogni.

I migliori consigli per affrontare la schizzinosità

Quindi, cosa possiamo fare riguardo la schizzinosità nel mangiare?Dai un’occhiata alla nostra infografica e leggi qui sotto i nostri migliori consigli per affrontare la schizzinosità!

Come gestire un bambino schizzinoso

1. Rendi il cibo divertente per il tuo bambino

Usa la tua fantasia per rendere il momento del pasto più divertente. Non riesci ad essere creativo dopo una lunga giornata di lavoro? Nessun problema, siamo qui per aiutarti! Abbiamo messo assieme delle fantastiche idee per migliorare il rapporto di tuo figlio con il cibo.

  • Semplici cose come aggiungere forme uniche o colori al cibo possono avere un grande impatto sulla volontà di mangiare del tuo piccolo schizzinoso.

Un altro modo per rendere alcuni cibi più appetitosi è creare personaggi ed animali con frutta e verdure. Questi pancakes natalizi sono facili da fare e salutari, e possono aiutarti a trovare l’ispirazione e la creatività di cui hai bisogno.

Muesli fatto in casa

Muesli fatto in casa!

Spiedini con frutta fresca

Deliziosi spiedini di frutta!

  • Usa un mixer per cambiare la consistenza e il colore del cibo. Non solo questo ti aiuterà a nascondere le verdure nel cibo, ma il bambino si divertirà a vedere ‘‘il cibo che si trasforma’’.

  • “Non giocare con il cibo.” - è una regola stabilita dagli adulti per i pasti. Ma perché no? Rendere i pasti un gioco è una grande opportunità per rendere il momento del pasto un evento emozionante!

Una simpatica idea è quella di creare un gioco di memory in cui bisogna accoppiare frutta e verdure. Una buona idea potrebbe essere quella di fare delle carte con le foto del cibo e scrivere sull’altro lato della carta i benefici di quello specifico alimento. I bambini dovranno poi memorizzare i benefici di quell’alimento → “I mirtilli rafforzano il sistema immunitario”, “gli spinaci ci fanno diventare più forti”

2. Combina nuovi alimenti

Quando è il momento di far mangiare i nostri piccoli schizzinosi, può essere dura trovare delle ricette che abbiano i giusti valori nutrizionali e che allo stesso tempo delizino anche il palato più schizzinoso. Per questo motivo ti raccomandiamo questo metodo per far sì che il tuo bambino mangi sano: combina nuovi alimenti nei suoi pasti. Per esempio, aggiungi qualche verdura, magari passata nel mixer, nella sua pastina; metti qualche pezzetto di frutta nel suo gelato o yogurt, aggiungi una mela all’impasto dei pancakes. La chiave è aggiungere frutta e verdura ai piatti che già ama!

3. Coinvolgi il tuo bambino nella scelta e nella preparazione dei pasti

Cucinare insieme alla famiglia può essere un’attività molto divertente! Inoltre, coinvolgere i bambini nel processo di preparazione e scelta dei pasti può essere una buona soluzione per alcuni piccoli schizzinosi.

Se i bambini hanno più scelta riguardo quello che mangeranno, e magari danno anche una mano nel farlo, saranno generalmente meno schizzinosi quando arriverà il momento di mangiare!

Qui alcune idee per coinvolgere i bambini in cucina:

  • Lascia che il tuo bambino scelga una ricetta. Meglio avere qualche raccolta di ricette da cui farlo scegliere.
  • Crea un gioco nel cucinare: assegna i ruoli, chiedi al tuo bambino di (per esempio) “trovare e portare gli spinaci/le banane, qualsiasi frutto o verdura di cui tu abbia bisogno, e crea tutte le altre regole che vuoi per il tuo gioco.
  • Porta il tuo bambino a fare la spesa con te e fagli conoscere le varietà di vegetali .
  • Metti su un po’ di canzoni sulla cucina e coinvolgi il tuo bambino dandogli dei compiti appropriati per la sua età, come:

    • Fare e mescolare un impasto
    • Lavare le verdure
    • Contare e dare un nome agli ingredienti (molto utile per migliorare il suo vocabolario e insegnargli un po’ di matematica)
    • Apparecchiare
  • Se il tuo bambino è abbastanza grande, puoi incoraggiarlo a leggere la ricetta ad alta voce! Sarebbe un’ottima pratica se sta imparando a leggere adesso.

Coinvolgere i bambini in cucina può essere un sistema fantastico per metterli a proprio agio con i diversi alimenti, e chissà, magari li trasformerai in piccoli aspiranti chef!

Hai bisogno di ispirazione per qualche ricetta? Dai un’occhiata alle nostre ricette salutari per bambini!

4. Trova una figura di riferimento

A volte alcune figure di riferimento possono avere un’influenza negativa sulle abitudini alimentari dei bambini, a volte invece possono averne una positiva. Per esempio, vedere un’immagine di Braccio di Ferro che gusta i suoi spinaci e diventa forte grazie a loro, può presentare gli spinaci in una luce migliore.

Super Spinaci

Genitori e fratelli possono essere importantissime figure di riferimento per un bambino. Quindi, sii sicuro di rappresentare un modello alimentare a cui tuo figlio potrebbe ispirarsi. Essere un modello di riferimento positivo per tuo figlio può migliorare le sue abitudini alimentari.

5. Dagli tempo per abituarsi ai nuovi alimenti

Uno studio del Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics del 2014 ha dimostrato che potrebbero volerci tra le 12-30 volte con un nuovo cibo prima che un bambino decida se gli piace o no. Quindi, dagli un po’ di tempo ed esplorate il cibo insieme, passo dopo passo.

Gli errori più comuni da evitare

Ci sono anche alcune cose da evitare quando si sta trattando con un bambino schizzinoso. Qui sotto abbiamo raccolto alcuni degli errori più importanti da evitare.

Non essere troppo severo con i tuoi bambini e non sgridarli.

Di certo, le discussioni con i tuoi bambini possono essere estenuanti. Tuttavia, è importante non lasciare che la frustrazione e la stanchezza degenerino in urla o comportamenti aggressivi.

Secondo il New York Times e lo studio del The Journal of Child Development del 2014, le famiglie in cui le urla e le sgridate sono molto frequenti causano ai bambini una serie di problemi, tra cui:

  • Accresciuti livelli d’ansia,
  • Stress e depressione
  • Aumento dei problemi comportamentali

Sarebbe meglio lasciare che la situazione si distenda, in modo che tu possa calmarti se inizi a sentirsi frustrato e affrontare di nuovo l’argomento in un momento diverso.

Non usare i dolci come punizione o ricompensa

I dolci, di solito la parte migliore di un pasto per i bambini… Può essere una tentazione usarli per avere il controllo sul tuo bambino, vero?

Ad ogni modo, secondo uno studio, usare il cibo come ricompensa o punizione può innescare abitudini alimentari negative, e può minare il sano rapporto con il cibo che vuoi trasmettergli.

Dare dolcetti, patatine, bevande gassate come premio, spesso porta i bambini a un surplus di zuccheri e grassi che in realtà non hanno un buon apporto calorico. E peggio ancora, interferisce con la naturale abilità che hanno i bambini di regolare il loro nutrimento. Inoltre, li incoraggia a mangiare anche quando non sono affamati, solamente per premiarsi.

Non dire “oh, quello non lo mangia!” quando gli viene proposto un nuovo alimento

Se rispondi con “oh, quello non lo mangia/non gli piace”, stai già dando al tuo bambino una risposta negativa per quando gli viene offerto quel cibo. Potrebbe iniziare a pensare che non gli piace solo perché lo hai detto tu, anche se non ha mai provato quell’alimento prima.

Non forzarlo a mangiare

Tutti i genitori di bambini schizzinosi affrontano questo dilemma: Lo lascio stare anche se non vuole mangiare le verdure oppure gli faccio finire tutto ciò che c’è nel piatto, anche se non gli piace?

Quando vedi che il tuo bambino spinge via il cibo dal piatto, lamentandosi che non vuole mangiare o inventa delle scuse prima ancora di iniziare il suo pasto, potresti essere incline ad utilizzare innocenti frasi come “solo un altro paio di bocconi” o ‘‘solo un’altra forchettata, dai…’’

Ricercatori dell’università del Michigan hanno detto che insistere che un bambino mangi del cibo che non gli piace non ha nulla a che vedere con i cambiamenti di peso o al loro comportamento nei confronti del cambiamento alimentare. In realtà, potrebbe essere più problematico, potrebbe causare tensioni durante il pranzo o la cena e danneggiare il rapporto figlio-genitore.

Lo studio ha dimostrato che chiedere a un bambino di mangiare o non mangiare un cibo potrebbe portarlo ad essere più schizzinoso, e non meno. La pressione a mangiare può causare una interruzione della capacità di un bambino di autoregolarsi nel mangiare. In altre parole, il suo senso di sazietà viene offuscato, il che influenza il suo istinto di smettere di mangiare. Quindi, anche se ovviamente consigliamo ancora di mangiare una varietà di cibi, potresti provare ad adottare un approccio meno severo.


Speriamo che questa guida per mangiatori schizzinosi ti abbia aiutato ad avere una migliore comprensione della tua situazione e del tuo bambino/i, e che ti abbia fornito qualche utile consiglio su come affrontare (appropriatamente) i pasti con i mangiatori schizzinosi.

Sei alla ricerca di più ricette per il tuo piccolo schizzinoso? Dai un’occhiata alle nostre idee per ricette!

Buon appetito!