Costo babysitter: come si calcola

Costo babysitter: come si calcola

Di Babysits, 5 minuti di lettura

Condividi:

Sei curioso di sapere quanto guadagna all'ora un(a) babysitter? Abbiamo raccolto i nuovi dati del 2020 che illustrano una panoramica delle differenze di prezzo in base all'esperienza e ad altri fattori extra. Scopri di più leggendo l’articolo di seguito:

Finora ti abbiamo mostrato quanto costa un(a) babysitter all’ora nel 2019. In questo articolo entreremo maggiormente nel dettaglio illustrando come si calcola la tariffa oraria del(la) babysitter. Lo sapevi che esistono moltissimi fattori da tenere in considerazione?

Salario minimo sulla base dell’esperienza

Le famiglie italiane basano le loro prime ricerche sulla base dell’esperienza del(la) babysitter che andrà a prendersi cura dei loro bambini. Secondo uno studio effettuato da Jobbydoo.it, babysitter con maggiore esperienza richiedono più soldi. Non è comunque una novità! Come in ogni ambiente di lavoro, maggiore è l’esperienza nel campo, maggiore sarà la paga oraria richiesta. Bisogna però specificare che la paga minima è di € 6,20 la quale può incrementare se si considerano altri fattori che la famiglia richiede al(la) babysitter.
L’infografica qua sotto mostra una panoramica più dettagliata del fenomeno:

quanto guadagna una baby sitter all'ora nel 2020

Età

Il lavoro da babysitter può essere svolto da persone di età diverse. Se si è minorenni, tuttavia, è importante chiedere il permesso ai propri genitori. In generale, comunque, l’età varia in base al tipo di fornitore di assistenza all’infanzia:

  • Cerchi una persona giovane, disponibile saltuariamente? Allora la figura del(la) babysitter è quella che fa al caso tuo. Solitamente sono studenti dell’università che cercano un impiego occasionale per guadagnare qualche soldo extra;
  • Stai invece cercando una persona più matura, disponibile a orari precisi? Allora hai bisogno di una tata o di un educatore. La tata è una figura esperta che diventa membro della famiglia a tempo pieno; invece l’educatore è una persona esperta del settore sia giovane che non che, a differenza della tata, ha un’esperienza certificata.

Tieni comunque presente che l’età è solo un numero. Ci possono essere giovani con molta esperienza o adulti con poca esperienza, ma con maggiore predisposizione a stare coi bambini.

Faccende domestiche

A volte un genitore chiede di essere aiutato in qualche faccenda domestica come pulire, cucinare, passare l’aspirapolvere, stirare, ecc. Definisci sin da subito la lista dei compiti da svolgere al fine anche di evitare brutte sorprese durante il rapporto lavorativo. Considera che maggiori sono i compiti extra, maggiore sarà il compenso richiesto.

Aiuto compiti

Il/La babysitter è bravo/a in matematica o la sua grammatica è impeccabile? L’aiuto compiti è un’attività spesso richiesta nelle ore di babysitting. Puoi anche suggerire di seguire i nostri consigli su come aiutare un bambino a fare i compiti. Il prezzo chiaramente varia in base all’ammontare delle ore dedicate agli esercizi.

Patente

Hai bisogno di qualcuno che porti i bambini a scuola e/o li vada a prendere? E’ un ottimo aiuto se devi per esempio andare al lavoro presto o se finisci tardi. Chiama qualcuno che abbia la patente. Indipendentemente dal fatto che guiderà la tua o la sua macchina, la responsabilità è elevata. Pertanto la paga oraria dovrà essere proporzionale non solo alle ore di lavoro, ma anche all’impegno richiesto.

Stare con gli animali

Hai un gattino che gira per la casa? O hai un cane che ha bisogno di fare una passeggiata? Il/La babysitter può portare al parco tuo figlio e nel frattempo lasciare all’aria aperta il cane. Prendersi cura di un animale domestico è comunque una grande responsabilità, soprattutto se contemporaneamente ci si deve prendere cura dei bambini piccoli. Questo comporta un prezzo più alto.

Gestire più bambini

Sei genitore di due o più piccolini che hanno entrambi bisogno di una figura di supporto? Puoi chiamare una sola figura invece che due. Questo ti permetterà di risparmiare, ma considera che dovrai pagare di più il/la babysitter. Inoltre, non dimenticarti di consigliare come gestire più bambini in contemporanea, ma soprattutto come risolvere eventuali litigi tra fratellini.

Bambini di età diversa

Gestire ad esempio un bambino di 2 anni e uno di 8 sono due attività completamente diverse. Se hai necessità di trovare qualcuno per entrambi i tuoi figli, considera che le attività che dovrà organizzare saranno diverse. Per tale ragione anche la tariffa dovrà leggermente variare.

Orari differenti di babysitting

Hai bisogno del(la) babysitter alla sera? Durante il weekend? O solo qualche ora nel pomeriggio? La tariffa può variare in base alle disponibilità. Molti genitori pagano di più durante il giorno rispetto alla sera perché in quest’ultima fascia oraria i bambini solitamente dormono. Tuttavia, se devono rimanere coi bambini anche dopo la mezzanotte, spesso la tariffa oraria aumenta.


Quindi, quanto pagare questa figura? Solo tu conosci le tue effettive esigenze. Pertanto, sulla base di queste, stila due lista:

  • Quali caratteristiche tale figura deve assolutamente avere (livello di esperienza, ha la patente, ecc.)?
  • Quali attività extra sono richieste (aiuto compiti, cucinare, ecc.)?

Una volta fatto ciò, potrai calcolare in maniera approssimativa la paga oraria.